AZIENDA AGRICOLA IL RITORNO
28866
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-28866,stockholm-core-2.3,tribe-no-js,select-theme-ver-8.9,ajax_fade,page_not_loaded,fs-menu-animation-underline,popup-menu-fade,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

AZIENDA AGRICOLA IL RITORNO

Azienda Agricola Il Ritorno

Il progetto proposto ha perseguito l’obiettivo precipuo di creare una struttura coerente con il luogo atteso, capace di esprimere il luogo sia esternamente sia internamente: si è giunti all’elaborazione di una struttura esterna che si origina dal contesto in cui è inserita, che in esso si fonde, e da questo trae ispirazione
determinando così uno stretto rapporto di dialogo con l’ambiente.
Il progetto si è formato in questo modo perché mosso dall’inevitabile necessità di riuscire a calarsi perfettamente nell’ambiente di contesto per giungere a costruire un flusso armonico, avendo premura di evitare un intervento caratterizzato da una tanto semplicistica quanto banale mimesi paesaggistica.
L’immagine e la sostanza del nuovo edificio alludono a questo legame imprescindibile e radicale con il territorio, fino a mescolarsi e fondersi con esso. La costruzione concettuale si traduce nella proposta di un
involucro parzialmente interrato, che, celando tutti quegli elementi che solitamente appartengono alla sfera delle costruzioni urbane, tenta una difficile ma doverosa riconciliazione tra natura e artificio. Il risultato che ne scaturisce è un nuovo piano naturale a verde segnato da un taglio orizzontale che permette l’ingresso della luce e l’inquadramento panoramico del contesto circostante. La “facciata” dell’edificio, distesa orizzontalmente sul pendio, è dunque disegnata da geometrie verdi che ne costituiscono il rivestimento, e da grandi aperture trasparenti.
Trasparenza ed integrazione con l’ambiente naturale hanno costituito un altro importante obiettivo, conducendo alla creazione di un ambiente visivamente e funzionalmente collegato al paesaggio naturale circostante, che solleva metaforicamente una porzione del terreno per collocarvi sotto un edificio.
Il legame tra l’organismo edilizio ed il contesto viene stabilito, attraverso una distribuzione planimetrica che si adatta alla morfologia del terreno, grazie al posizionamento di pareti vetrate capaci di instaurare un rapporto visivo tra gli spazi interni e le immagini ambientali circostanti. La presenza del tetto verde a
copertura dei due corpi ad un solo piano fuori terra, accentua il legame dell’edificio con l’area di sedime, raccordandosi armonicamente con il suo andamento altimetrico.
L’edificio si articola in un corpo che emerge in maniera raccordata al terreno come nuovo affioramento, organizzato per ospitare funzioni diverse: il volume principale posto al centro, di un solo piano fuori terra, è adibito alle attività principali, ossia nella parte verso est si colloca il punto di entrata previsto a favore degli ospiti. Dall’ingresso si accede direttamente allo spazio predisposto per la vendita dei prodotti dell’azienda, un ambiente caratterizzato da rivestimenti di pavimento e di facciata interna con materiali naturali, ordinato con un bancone di servizio posto nella parte verso monte, e con una serie di arredi per l’esposizione dei prodotti dell’azienda.

arca-silver
regione

Trentino Alto-adige

Committente

Azienda Agricola Il Ritorno di Ciccolini Anita

Costruttore
Progettista